(articolo tratto dal blog de L'Ippogrifo)

2 agosto, 2013 (10:12) | Di: Anna

 

Negli ultimi anni è esplosa l’abitudine di creare per l’azienda quanti più profili social possibile, semplicemente perché “così fan tutti”. Niente di più sbagliato. Esistono diverse ragioni per le quali consigliamo di evitare una presenza eccessiva sui social network, per non correre il rischio di danneggiare l’immagine dell’azienda e l’affezione al brand.

 

Ecco i 5 buoni motivi per cui alle volte non avere un profilo social è meglio che averlo:

 

  1. Nessun aggiornamento
    Il mancato aggiornamento del profilo Twitter o della pagina Facebook è considerato (a ragione) il peccato capitale del social media marketing: dal punto di vista degli utenti, se un brand ha la pagina non aggiornata dà un’immagine peggiore che non ce l’ha affatto. Il messaggio che potrebbe raggiungere i potenziali clienti è una scarsa attenzione e l’incertezza dell’attendibilità dei dati (come l’inventario o il servizio clienti). Inoltre, se non si riesce a essere sempre all’avanguardia su un social, come lo si può essere negli altri campi?
  2. Onnipresenza sui social
    Questo dovrebbe essere un mantra: il fatto che un social esista non significa che ci si debba iscrivere a tutti i costi. È importante capire quale social sia più indicato in base alla propria azienda, ricordando che apparire ovunque indiscriminatamente dà l’impressione di essere ansiosi di vendere e non di comunicare. Dunque meglio concentrare tutte le energie su pochi e giusti social media.
  3. Non si sa cosa fare
    Dopo aver stabilito una certa frequenza e aver riconosciuto il social più indicato, il passo successivo è capire quali informazioni dare o, più in generale, cosa scrivere o caricare. Chiaramente è sconsigliabile usare la pagina Facebook dell’azienda come una pagina personale, pubblicando fotografie di feste, figli o vacanze, o, peggio ancora, scrivendo lamentele nei confronti dei dipendenti.
    Uno dei concetti chiave è capire a cosa potrebbe essere interessato il target di clienti. In base all’identità dell’azienda, è bene fornire informazioni inerenti al proprio settore. Un’azienda che si occupa di arredamento tratterà argomenti come le ultime tecnologie o le ultime tendenze in fatto di design di interni. Anche offerte stagionali o promozioni possono tornare utili per fidelizzare la clientela. È importante usare il profilo anche per comunicazioni tecniche quali modifiche degli orari o, perché no, nuove assunzioni.
    È possibile inserire anche qualcosa di più personale come eventi aziendali, fotografie del team di lavoro o auguri di compleanno per i dipendenti per dare un’impressione di vicinanza al cliente, che tenderà a fidarsi di più.
    Orientativamente la quantità di contenuti si può aggirare sul 60-70% per quanto riguarda la materia aziendale, e sul 30-40% ciò che riguarda la sfera personale dell’azienda.
  4. Non si risponde
    La gestione del profilo social non si esaurisce con la pubblicazione di contenuti. Possiamo considerare di vitale importanza l’interazione con la clientela: bisogna sempre rispondere a commenti, messaggi, domande e richieste. Pubblicare contenuti e non replicare ai clienti può avere gravi ripercussioni. È consigliabile controllare almeno una o più volte al giorno a seconda delle dimensioni del pubblico che segue il profilo.
  5. Non si sfrutta
    I social media esistono per interagire direttamente con la clientela. Imparate a sfruttare questa possibilità chiedendo ai consumatori pareri, idee e proposte sui prodotti e sull’azienda così da fornire dei servizi sempre più “a misura di cliente”. Spesso è più funzionale seguire i clienti attraverso un social piuttosto che formare dei focus groups. E poi, da non sottovalutare, in questo modo il cliente si sente partecipe e coinvolto, aumentandone la fidelizzazione e l’affezione al brand.

 

E voi? Rispettate già queste 5 “regole” dei social network o vi toccherà “rimettervi in carreggiata”?

 

Liberamente ispirato a: http://marketingland.com/5-reasons-why-you-should-not-be-on-social-media-52585

E' per me un enorme piacere scrivere poche righe per far conoscere (a chi non lo conoscesse già) un pittore interessantissimo. Almeno per gusto personale dello scrivente.
Si tratta di Andrea Bellino.
In molti lo apprezzano per le sue capacità di allenatore di basket, ma vorrei che in tanti potessero anche apprezzarne il talento artistico.
Alcune sue opere sono presenti alla galleria Arte Spazio di Sassari (via P.ssa Maria, 29 a Sassari) e trovate alcune immagini anche sul sito www.artespaziosassari.com
Vi invito ad andare a trovarlo per dare un'occhiata dal vivo. Di seguito alcune note biografiche:
Le sue prime esposizioni risalgono al 1999, ove partecipa alle prime collettive a livello regionale; il pubblico e la critica mostrano subito grande interesse verso la creatività delle sue nuvole e dei suoi cespugli che lo portano, in breve tempo, ad essere protagonista di personali a livello regionale e nazionale, precisamente : "Sala Castello" di Bitritto (Bari) dal 2000 al 2007, "Sala Comunale" di Bultei (SS) dal 2001 al 2007, "Museo Clarisse" di Ozieri (SS) nel 2003 e 2004, "Centro Culturale" di Padru (SS) nel 2005, "Centro Residenziale Baia delle Mimose" nel 2003 e 2004, "Antica Dimora Patrizia" di Montecarlo (Lu) nel 2004,2005 e 2006, quattro mostre personali alla Galleria Arte Spazio di Sassari nel 2004,2005,2006 e 2007, Galleria "Punto Arte" di La Spezia nel 2005, "Arpi 74" di Foggia nel 2003 e 2004. Sulla sua pittura sono state fatte pubblicazioni sui più importanti volumi di arte contemporanea e riviste specializzate tra cui "Boè Arte", "Il Quadrato", "L'Elitè", "Pittori Contemporanei Sardi".
Le sue opere sono esposte in permanenza presso la Galleria Arte Spazio di Sassari , la Galleria Estense Arte di Cernobbio - Como - e presso la Taormina Gallery di Taormina - Messina . La Galleria Estense Arte ha organizzato e curato una personale dell'artista dal 2 al 17 Agosto 2008.Sempre nello stesso anno, Andrea Bellino ha partecipato, insieme alla Galleria Estense Arte, alla prestigiosa manifestazione "Arte e Natura" svoltasi nelle sale dei Palazzi del '500 e del '700 di Villa Borromeo Visconti Litta a Lainate ( Milano) e negli ampi spazi del giardino-teatro naturale della stessa Villa Borromeo Visconti. Nel Febbraio 2009 viene selezionato per esporre alla Mostra Internazionale d'Arte Contemporaena " Le Rinascenze della Natura" presso la Taormina Gallery di Taormina (Me). In occasione di questo evento nasce la collaborazione tra l'artista e la Taormina Gallery, che inserisce Andrea Bellino tra gli artisti della propria scuderia. Nel giugno 2009opera "La Città Fantasma" diventa la copertina del periodico internazionale di informazione artistica e culturale "Boè" del bimestre maggio/giugno. Nell' ottobre 2009 la Taormina Gallery organizza una personale dell'artista, dal titolo "Le Città dell' Anima" con una trentina di opere inedite : i paesaggi moderni creati dal pittore , con i suoi cespugli e le tonalità dei suoi specchi d'acqua , andranno a fondersi con le sue nuove ispirazioni : vere e proprie città fantasma , dalle vedute surreali e appena accennate. Dal 14 Novembre al 4 Dicembre 2009 la Galleria Arte Spazio ha presentato "Ricordi di Vento", una grande personale dell'artista con oltre 70 oli esposti, reale testimonianza della continua maturazione artistica del pittore.

Traggo da un forum che a volte mi capita di leggere, delle meravigliose frasi che chi fa (o ha fatto) il grafico avrà sentito più volte. Ringrazio gli utenti del forum (http://zooppa.it/forum/events-training/topics/roba-da-grafici-frasi-celebri-purtroppo?page=1) per l'esilarante compilation

“Tanto tu con il computer ci metti due minuti.”
“Boh, sei tu il grafico…”
“Ma sul monitor i colori erano + belli…”
“Ma una bella clip art?”
“Ma chi è Lorem ipsum?”
“Con l’altro pagavo molto meno.”
“Impattante”
“E’ solo da mandare in stampa.”
“Ora mollo tutto e mi metto a coltivare la terra.”
“Le foto sono sfocate. Me le metti a fuoco con Photoshop?!”
“Internet Explorer serve solo per il download di altri browser.”
“Purtroppo lei è troppo qualificato per noi.”
“Riconoscere le font dalle insegne.”
“Spazio su disco insufficiente.”
“Voglio tanto a poco, e lo voglio subito!”
“Essere uomini e conoscere + di 16 colori.”
“Occhiaie perenni.”
“Lavorare per la gloria.”
“Dots per inch.”
“Il capolavoro che hai creato tra un mese ti sembrerà una schifezza.”
“Paint e Word sono il male.”
“Se possiedi la Suite Adobe, tutti i file che ti invieranno saranno in CorelDraw.”
“Mi dispiace ma la mia religione mi impedisce di usare il comic sans”.
“Per quando ti serve? Per ieri!!!”
“Una modifica al volo”
“Riconoscere la grammatura della carta al tatto.”
"Mi servirebbero dei Jpg in formato vettoriale…"
“Si mi piacciono entrambe, mi fai un mix?!.”
“Trasformare una slide di PowerPoint in un manifesto 3×2mt.”
“Si può avere leopardato?”
“Tu che lavori con il computer, non è che potresti riparare il mio?.”
“Layout. Final_layout. Final_layout_def. Final_layout_def_2.”
“Mio nipote me lo realizza gratis.”
“Mazzetta dei colori Pantone.”
“Vettorializzare un logo scansionato da una carta intestata inviata per fax.”
"potrebbe spedirmi il cromalin via mail?"
"Apprezzo il suo stile originale, ma vorrei qualcosa di più classico."
"Mi piace ma i colori sono troppo neri…."

© DGT snc
Viale Porto Torres, 23
07100 Sassari (SS)
P.IVA 02392090904